Gaza: massima allerta, scuole chiuse

7.00
Massima allerta nella Striscia di Gaza in seguito all’uccisione da parte di Israele di un leader militare della Jihad islamica,Baha Abu al-Ata,e di sua moglie. Dai minareti delle moschee sono risuonate invocazioni alla vendetta.Hamas ha pubblicato un messaggio di cordoglio in cui rende onore alla figura del “combattente” Abu al-Ata.
Tutti gli istituti scolastici nella Striscia oggi restano chiusi. I comandanti delle varie fazioni armate di Gaza si riuniranno stamane per stabilire una linea di condotta.

Gaza, ucciso un capo Jihad palestinese

6.15
Israele ha annunciato di aver ucciso un comandante della Jihad islamica palestinese, Baha Abu al-Atta: “La sua abitazione è stata attaccata in un questo delle nostre forze armate e dei servizi segreti”nella Striscia di Gaza.”Era responsabile di attentati e missili contro Israele,e si preparava a compiere nuovi attacchi”,ha detto il premier Netanyahu. Nell’attacco è morta un’altra persone e due sono rimaste ferite.
La Jihad ha confermato la morte del suo comandante e ha avvisato:”La nostra reazione farà tremare l’entità sionista”.

Rimini:viola domiciliari,arrestato boss

4.03
Era agli arresti domiciliari per estorsione e minacce aggravate dal metodo mafioso ma violava costantemente la sua detenzione. I carabinieri di Rimini l’hanno arrestato a Napoli mentre si recava come un uomo libero dal barbiere
L’uomo,appartenente a un sodalizio camorristico, era stato arrestato dopo la retata dell’11 ottobre tra Rimini e Napoli durante la quale sono stati sgominati due pericolosi clan operativi in Romagna e composti da 10 membri tutti indagati per associazione per delinquere di stampo camorristico.

Usa, Carter sarà operato al cervello

3.46
L’ex presidente americano Jimmy Carter è stato ricoverato in un’ospedale di Atlanta per un intervento volto a rimuovere una massa che preme sul suo cervello, provocata dall’emorragia a seguito della recente caduta in casa
Carter, 95 anni, sarà operato nelle prossime ore.

Messico offre asilo politico a Morales

2.51
L’ormai ex presidente boliviano Morales ha assicurato di essersi rifugiato nella regione di Cochabamba,dove ha ricevuto “sicurezza e assistenza”.
In un tweet diffuso dopo le dimissioni e l’asilo politico accordatogli dal Messico, Morales ha pubblicato una foto che lo ritrae a terra su una coperta e ha ringraziato “le federazioni del Tropico di Cochabamba”. Intanto è giunto in Bolivia l’aereo che lo porterà in Messico. “Fa male lasciare il Paese per motivi politici ma presto tornerò con più forza ed energia”, ha assicurato.

Morales oggi andrà in esilio in Messico

2.51
L’ormai ex presidente boliviano Morales ha assicurato di essersi rifugiato nella regione di Cochabamba,dove ha ricevuto “sicurezza e assistenza”.
In un tweet diffuso dopo le dimissioni e l’asilo politico accordatogli dal Messico, Morales ha pubblicato una foto che lo ritrae a terra su una coperta e ha ringraziato “le federazioni del Tropico di Cochabamba”. Intanto è giunto in Bolivia l’aereo che lo porterà in Messico. “Fa male lasciare il Paese per motivi politici ma presto tornerò con più forza ed energia”, ha assicurato.

Tonga, sisma 6.1 nell’arcipelago

1.59
Forte terremoto nelle isole Tonga, nel sud del Pacifico: una scossa di magnitudo 6,1 è stata registrata al largo dell’arcipelago alle 12:03 ora locale, poco dopo la mezzanotte in Italia.
Il sisma ha avuto l’ipocentro a una profondità di 10 chilometri e l’epicentro 145 km a nord-ovest del villaggio di Pangai. Per ora non è stata diramata allerta tsunami.

Bolivia, polizia: esercito intervenga

1.14
La Polizia della Bolivia ha chiesto l’intervento dell’esercito per mettere fine alle violenze seguite alle elezioni del 20 ottobre e ha avvertito che la situazione è “insostenibile” e non è più in grado di arginare la violenza.
Il comandante della Polizia il colonnello Josè Barrenechea, ha spiegato che gli agenti non sono disposti a “caricarsi i morti in spalla” di fronte a gruppi con armi da fuoco che vanno in giro “con l’intenzione di uccidere”.
“La Polizia è stata sopraffatta”, ha affermato Barrenechea,

Bolivia,polizia: esercito intervenga

1.14
La Polizia della Bolivia ha chiesto l’intervento dell’esercito per mettere fine alle violenze seguite alle elezioni del 20 ottobre e ha avvertito che la situazione è “insostenibile” e non è più in grado di arginare la violenza.
Il comandante della Polizia il colonnello Josè Barrenechea, ha spiegato che gli agenti non sono disposti a “caricarsi i morti in spalla” di fronte a gruppi con armi da fuoco che vanno in giro “con l’intenzione di uccidere”.
“La Polizia è stata sopraffatta”, ha affermato Barrenechea,

Ankara:via a rimpatrio foreign fighters

23.00
Iniziato il rimpatrio dei foreign fighters dell’Isis detenuti in Turchia.
Ne ha dato notizia il ministero dell’ Interno di Ankara.
Il primo a essere espulso è stato un cittadino americano che era detenuto nelle carceri turche. Poi altri tre terroristi.
Per altri sette jihadisti tedeschi, invece, il rientro è previsto il prossimo 14 novembre.