Il koala Billy è morto, era stato salvato dagli incendi in Australia con le zampe ustionate

Il koala Billy è morto, era stato salvato dagli incendi in Australia con le zampe ustionate
ROMA – È morto il koala che circa un mese fa era stato salvato dagli incendi che hanno devastato l’Australia con gravissime ustioni alle zampe. I volontari di Adelaide & Hills Koala Rescue hanno fatto tutto il possibile per tentare di tenere in vita Billy, ma purtroppo le bruciature alle zampe erano troppo gravi.
Il koala Billy era diventato il simbolo della raccolta fondi del centro di recupero della fauna selvatica di Adelaide. Le sue foto con le fasciature sulle zampe avevano fatto il giro dei social, e la notizia della sua morte data su Instagram è stata commentata da migliaia di utenti.
“Ciao a tutti. Abbiamo alcune notizie molto tristi da condividere con tutti voi. Il caro Billy non è arrivato alla fine del suo viaggio di recupero. Stava andando così bene, fino a quando un giorno non più. Una mattina presto, mentre il sole sorgeva e gli uccelli cominciavano a cantare, ha chiuso i suoi bellissimi occhi e si è messo a dormire. Lo stress della sua esperienza nel fuoco si è rivelata troppo difficile da curare per il suo corpicino. Le sue infermiere hanno il cuore infranto, ma si consolano immaginando di vederlo arrampicarsi su un grande albero nel cielo. Grazie mille per il vostro amore per lui. Dormi bene Billy, ci manchi”, il messaggio dei volontari di Adelaide & Hills Koala Rescue.
Secondo il Wwf sono circa ottomila i koala dispersi nelle fiamme, che nella costa nord del New South Wales hanno ucciso circa il 30% dell’intera popolazione di questa specie. (fonte INSTAGRAM)

CategorieSenza categoria