Torino, stella di David disegnata sulla porta di Marcello Segre

Un altro grave episodio di antisemitismo, avvenuto pochi giorni dopo il caso della svastica all’ingresso della casa di Arianna Szorenyi, in Friuli Venezia Giulia.
Un nuovo episodio di antisemitismo è andato in scena a Torino. Dopo la svastica sulla porta di Arianna Szorenyi, deportata ad Auschwitz, il 9 febbraio è stata disegnata una stella di David con la scritta «Jude» all’ingresso della casa di Marcello Segre, presidente dell’Associazione italiana ‘Cuore e rianimazione Lorenzo Greco onlus’. La Digos ha avviato degli accertamenti. Segre prova «Rammarico per gesti che sviliscono il valore di una comunità civile come quella piemontese, da sempre inclusiva e lontana da derive antisemite».

IL PRECEDENTE A MONDOVÌ

Ma questi sono solo i casi più recenti. Infatti, il 24 gennaio 2020, a Mondovì, in provincia di Cuneo, è successo un fatto molto simile a quello di Torino. Sulla porta di Aldo Rolfi, figlio di Lidia, partigiana deportata a Ravensbrück nel 1944, è stata dipinta la scritta «Juden hier», «qui ci sono ebrei», proprio come accadeva nelle città tedesche durante il nazismo.
Leggi tutte le notizie di Ultima ora su Google News oppure sul nostro sito Ultima ora.it

CategorieSenza categoria