Il meme che sta facendo (ri)nascere il Molise

Regione snobbata fin dall’antichità, il Molise negli ultimi anni ha raggiunto una popolarità senza precedenti, tanto in Italia quanto all’estero. E questo grazie a un meme.La regione italiana del Molise è recentemente riemersa dalla sua secolare oscurità, diventando protagonista del meme “Il Molise non esiste”, spopolato nel mondo del web. Anche per questo i molisani stanno cercando di servirsene, a proprio vantaggio, come trampolino per far volare la propria terra nel firmamento delle celebrità della Penisola. Ne ha parlato anche la BBC. Lo scherzo che ha reso celebre il MolisePerché agli italiani piace fingere che il Molise non esiste? Si tratta pur sempre di una regione, per altro viva e vegeta, che rientra tra le 20 ufficiali d’Italia. Ha uno status pari a quello di Sicilia, Umbria e Liguria, tiene elezioni regionali e vota per quelle nazionali, proprio come l’Emilia-Romagna, le Marche, la Basilicata etc. Confina con le regioni Adi bruzzo, Puglia, Lazio e Campania, tutte indiscutibilmente reali. Eppure, il Molise continua ad essere dimenticato.“Diversi anni fa – ha riferito alla BBC Enzo Luongo, giornalista e autore del libro “Il Molise Non Esiste” – mi sono imbattuto in un fatto particolare. La gente aveva iniziato a postare l’hashtag ilmolisenonesiste per sorridere sulle dimensioni ridotte della nostra regione e sulla sua invisibilità”.A sorprendere Luongo è stata anche la creatività dei commenti che hanno iniziato ad accompagnare l’hashtag, come “Ho scritto ‘Molise non esiste’ sulla mia pagina Facebook. Al mio insegnante di geografia è piaciuto”, oppure ancora “Ho incontrato un ragazzo del Molise che stava facendo l’Erasmus in Italia”. La regione, fino ad allora ignorata, si era improvvisamente risvegliata grazie ad una creatività sempre più virale. Biografia di una regione fantasmaArea periferica del Regno d’Italia nel 1861, il Molise entra a far parte della regione Abruzzi e Molise per poi staccarsi nel 1963, diventando la regione più giovane e meno conosciuta d’Italia.Le ragioni della separazione sono oscure: per alcuni residenti della regione considerata la “Cenerentola d’Italia”, la scissione è stata un errore. A loro dire, il territorio dovrebbe ricongiungersi all’Abruzzo, regione con cui condivide forti legami culturali.Con poco più di 300 mila abitanti, dopo la Valle d’Aosta il Molise è la regione meno popolata d’Italia. Conta solo due province, Isernia e Campobasso – suo capoluogo. Fin dall’antichità gode di una popolarità decisamente inferiore rispetto ad altre sue vicine, come Lazio e Campania, ma anche rispetto alle cugine del nord come Lombardia, Veneto e Piemonte.Territorio povero e montagnoso, il Molise fu largamente snobbato, pure nell’antichità, da Romani e Longobardi, ma anche da Normanni e Borboni. Una cospirazione molisana“La cospirazione molisana” si è presto trasformata in fenomeno culturale. Al tema sono stati dedicati libri, canzoni, video, monologhi teatrali e articoli. Il caso del Molise è stato anche citato da volti noti del panorama politico nazionale: da Beppe Grillo all’ex primo ministro Matteo Renzi.La popolare pagina Facebook “Molisn’t – lo non credo nell’esistenza del Molise” continua a sponsorizzare il marchio “Molisn’t”, come simbolo che ora decora T-shirt, tazze e altri oggetti di uso quotidiano.Sono stati anche pubblicati falsi documenti scientifici che speculano sull’esistenza della regione. Parallelamente, sono stati diffusi meme che paragonano il Molise al regno fantasy di Narnia. Altri ancora propongono mappe dell’Italia che presentano, al posto della tanto vituperata regione, un buco nero.Nel 2015, poi, è stato pubblicato su YouTube il video “IL MOLISE NON ESISTE!!”, che nel giro di pochi mesi ha ottenuto oltre 1,6 milioni di visualizzazioni: più di cinque volte la popolazione del Molise stesso. E alcuni anni fa, in un albo di Rat-Man parodia di Matrix, il fumettista Leo Ortolani dedicò una sequenza all’immarcescibile luogo comune. Le potenzialità del Molise“Dieci anni fa, quando dicevo ad altri italiani di essere molisana mi rispondevano con un’espressione vuota. Non avevano mai sentito parlare di noi” ha riferito alla BBC Maria Laura Pace, guida turistica a Termoli. “Ora, quando parlo del Molise, ridono e dicono “Il Molise non esiste!”. In un certo senso, si tratta pur sempre di un passo avanti, no?”.Gran parte dei molisani come Pace sono orgogliosi della loro regione. È proprio per questo che la guida turistica, qualche anno fa, è tornata dall’estero per aiutare a potenziare Moleasy, una rete di molisani intraprendenti che cercano di far ripartire il turismo regionale.“Stiamo cercando di attirare le persone che sono già state in visite a Roma, Venezia, Firenze e sono alla ricerca di qualcosa di completamente diverso” ha detto Pace. “In un certo senso, siamo l’ultimo grande sconosciuto d’Italia.”La guida turistica vede “Il Molise non esiste” come un’opportunità per dare alla regione un marchio unico. “Non saremo mai la Toscana, ma noi non vogliamo essere la Toscana. Vogliamo essere il Molise”.Chi visita il Molise non ne rimane deluso. “Abbiamo tanta bellezza e cultura. Mi sento così orgoglioso di vivere in una regione dove c’è bellezza ovunque”, ha detto il politico regionale Simone Cretella. “Ciò di cui abbiamo bisogno sono turismo sostenibile e giovani”. Il meme ha il consenso dei molisani?Come Pace, anche Cretella vede il meme “Il Molise non esiste” come una chance, senza precedenti, per promuovere la regione tanto in patria quanto all’estero.“’Il Molise non esiste’ è, in un certo senso, un marchio perfetto. Gioca sui nostri punti di forza: il nostro mistero, la nostra stranezza, il fatto che questo è un luogo mai toccato prima dal turismo. È un’idea che stuzzica quella curiosità in grado di spingere le persone a scoprire la nostra regione. Tuttavia, uno degli aspetti negativi di vivere in una terra senza tempo come la nostra è la difficoltà di far cambiare la mentalità delle persone”, ha sottolineato Cretella.Nonostante ciò, il politico regionale è convinto che il turismo sia il futuro del Molise, e che la cospirazione molisana sarà al centro di tutto questo. Dopo tutto, chi non vorrebbe visitare una regione che non esiste?

CategorieSenza categoria