La Corte Ue intima alla Spagna di liberare Junqueras

L’immunità del leader indipendentista catalano parte dal momento della proclamazione delle Europee. Per questo viene chiesta la scarcerazione dopo la condanna a 13 anni seguita al referendum.
L’immunità del leader indipendentista catalano Oriol Junqueras, eletto al parlamento Ue a maggio 2019, parte dal momento della proclamazione dei risultati delle elezioni europee. Quindi la Spagna dovrebbe rilasciarlo immediatamente affinché possa assumere il suo incarico. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia della Ue che ha dato ragione a Junqueras, condannato dalla giustizia spagnola a 13 anni di prigione e di allontanamento dal pubblico ufficio per l’organizzazione del referendum sull’indipendenza della Catalogna.

GARANTITO ANCHE IL DIRITTO DI VIAGGIARE

La Corte ha prima di tutto stabilito che «la persona eletta al parlamento Ue acquisisce lo status di membro al momento della proclamazione e da allora gode dell’immunità». Inoltre, scrivono i giudici, Junqueras gode da quel momento anche del diritto di viaggiare, «connesso allo status di membro del parlamento Ue». Infine, l’immunità e il diritto di viaggiare «comprendono la soppressione di misure di detenzione imposte prima dell’elezione, per consentire alla persona di spostarsi e prendere parte alla sessione inaugurale del parlamento Ue. Di conseguenza, se la Corte competente nazionale ritiene che la misura debba essere mantenuta, deve il prima possibile chiedere al parlamento Ue di derogare all’immunità».

JUNQUERAS: «LA GIUSTIZIA È ARRIVATA DALL’EUROPA»

«La giustizia è arrivata dall’Europa», ha scritto su Twitter Junqueras. «I nostri diritti e quelli di 2 milioni di cittadini che hanno votato per noi sono stati violati. Nullità della pena e libertà per tutti noi! Continuiamo come abbiamo fatto fino adesso!»
Leggi tutte le notizie di Ultima ora su Google News oppure sul nostro sito Ultima ora.it

CategorieSenza categoria