BIAGIO CONTE A PIEDI DA PALERMO A BRUXELLES

Il missionario laico palermitano Biagio Conte, dopo giorni di cammino penitenziale, in cui ha percorso 1.500 chilometri a piedi, è giunto a Bruxelles. Ospite di un convento francescano, nei prossimi giorni si recherà al Parlamento Europeo, dove cercherà di incontrare i responsabili e le autorità dell’Unione Europea per consegnare loro una lettera e per parlare di diritti umani.
Biagio Conte è partito l’8 luglio, con il traghetto, dal porto di Palermo rendendosi, come lui stesso ha detto “esule dall’Italia sulle rotte dei migranti”. Dopo essere approdato a Genova, ha poi proseguito per Milano dove ha incontrato rappresentati del Comune e l’arcivescovo Mario Delpini. Poi, sempre rigorosamente a piedi, è andato in Svizzera, a Bellinzona, ha attraversato tutto il Ticino e ha scalato sotto la grandine il Monte San Gottardo. Il 14 agosto ha raggiunto il santuario di Sachseln dove è sepolto e venerato San Nicolao della Flue, patrono della Svizzera. Lì ha pregato per tutto il popolo svizzero. Ha proseguito per la capitale svizzera Berna dove, al Palazzo Federale, ha incontrato dei funzionari del Governo Svizzero. Ha parlato anche con tante persone comuni, sacerdoti e Vescovi, che lo hanno accolto e incoraggiato.
Poi, si è voluto recare a Baden, nel Canton Argovia, un comune della Svizzera di circa 20.000 abitanti, dove ha vissuto per qualche anno da piccolo. Suo padre, non trovando lavoro in Sicilia, si recò in Svizzera, con tutta la famiglia, come migrante. In diverse zone della Svizzera, Fratel Biagio ha trovato ed incontrato tanti migranti italiani provenienti dalla Sicilia, dalla Campania, dalla Calabria, dalla Puglia che lo hanno accolto con grande gioia. Poi, sempre a piedi, è arrivato a Strasburgo, sede del Parlamento Europeo, successivamente si è incamminato verso la sede europea di Lussemburgo ed adesso è giunto a Bruxelles.
“Fratel Biagio è arrivato a Bruxelles nella serata di ieri 1 novembre festività di Tutti i Santi – fanno sapere su Facebook dalla Missione Speranza e Carità -. Cercheremo di condividere con voi i passi dei prossimi giorni in questa città capitale del Belgio e sede del Parlamento Europeo. Grazie a Dio ha ricevuto una bella accoglienza presso il convento dei Francescani della città. Ci ha contattati e ci ha inviato un messaggio dedicato a tutti i defunti di cui oggi 2 novembre si commemorano”.
“Oggi, 2 novembre – scrive Biagio Conte -, ricordiamo tutti i nostri cari defunti, ricordiamo i tanti senzatetto morti nell’indifferenza nelle grandi città, ricordiamo i tanti profughi in mare compresi i bambini, ricordiamo i tanti bambini morti per la fame o per le mancanze di cure, ricordiamo i tanti morti per l’ingiustizia delle guerre, ricordiamo i tanti morti a causa degli incidenti stradali, ricordiamo i tanti morti dovuti alle calamità naturali, ricordiamo i tanti morti a causa delle malattie, ricordiamo i tanti morti a causa dell’ingiustizia, dell’eutanasia, dell’aborto e della pena di morte, ricordiamo i tanti morti dovuti al suicidio, ricordiamo i tanti morti per la solitudine e l’abbandono”.
(Ultima Ora).
L’articolo BIAGIO CONTE A PIEDI DA PALERMO A BRUXELLES proviene da Ultima Ora.

CategorieSenza categoria