AL VIA IL RESTAURO DELLA VARA A PALAZZO CAMPANELLA

“Il restauro della Vara della Madonna della Consolazione non è solo un fatto di enorme significato, nel segno della devozione, che la città di Reggio ha atteso per 60 anni. E’ anche un risultato che nasce da un metodo vincente: quello della condivisione, della più ampia sinergia istituzionale e del rigoroso rispetto dei tempi. Ritengo che se applicassimo questo metodo agli altri ambiti della vita sociale, la Calabria farebbe piccoli ma costanti passi avanti in tutti i settori”. E’ quanto ha affermato il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione dell’apertura del cantiere per il restauro della macchina a spalla della sacra effigie della Patrona di Reggio Calabria. L’appuntamento (aperto alla cittadinanza) è fissato per il 4 gennaio con l’arrivo della Vara nel laboratorio di restauro allestito nella sala “Federica Monteleone” di palazzo Campanella.
All’incontro con gli operatori dell’informazione hanno partecipato, assieme al presidente Irto, Salvatore Patamia, direttore del segretariato regionale del ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo per la Calabria; Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria; don Demetrio Sarica, direttore dell’Ufficio ecclesiastico dei beni culturali; e Gaetano Surace, presidente dell’associazione “Portatori della Vara”. Il progetto e il procedimento amministrativo del restauro sono stati illustrati, sul piano tecnico, dagli architetti Nino Sulfaro, coordinatore e direttore scientifico degli allestimenti, della mostra e degli eventi “Intorno alla Vara”, e Salvatore Amaddeo, responsabile unico del procedimento.
Il presidente Irto ha evidenziato come “l’intervento per il restauro sia oggi possibile, all’esito di un procedimento complesso dal punto di vista organizzativo, logistico e amministrativo, per il quale sento di ringraziare sia gli uffici del segretariato regionale del Mibact, sia il segretariato generale e l’ufficio tecnico del Consiglio regionale. Il valore, non solo economico, della Vara, i vincoli ministeriali, la complessità nella selezione dell’impresa, la volontà di non spostare la Vara da Reggio e la tempistica estremamente ridotta dell’intervento hanno imposto un lavoro intensissimo condensato in pochi mesi”.
Per il rappresentante dell’Assemblea legislativa calabrese “siamo riusciti a evitare che la preziosa macchina votiva dovesse essere trasportata fuori regione. La Vara non si è mai mossa da Reggio e non dovrà spostarsi. Tutto questo – ha concluso Nicola Irto – ha rafforzato ulteriormente il rapporto tra il Consiglio regionale e la città: la sede del parlamento calabrese è patrimonio istituzionale, culturale e storico di Reggio e, attraverso l’allestimento del laboratorio di restauro della Vara, nella stessa sala che ospitò quello dei Bronzi di Riace, questo legame è destinato a rinsaldarsi ancora di più”.
(Ultima Ora).
L’articolo AL VIA IL RESTAURO DELLA VARA A PALAZZO CAMPANELLA proviene da Ultima Ora.

CategorieSenza categoria