AD AUSTIN STRATEGIA IDEALE A UNA SOSTA

Pole con record della pista per Valtteri Bottas ad Austin. Il pilota finlandese della Mercedes, che partirà dalla prima fila assieme a Vettel, ha usato la soft per il giro veloce ma sulla griglia di partenza si presenterà con la media, stessa scelta per il compagno di squadra Hamilton, per i due ferraristi e per Verstappen.
La strategia ideale, secondo Pirelli, è quella a una sosta: soft per 22-25 giri e media per 31-34. In alternativa si può usare la media per 24-27 giri e la dura per 29-32, o infine soft per 19-22 e dura per 34-37. Sulla carta può essere competitiva anche una strategia a due soste, sfruttando due set di soft per 15-18 giri e uno di medie per 20-26 giri. Molto dipenderà anche dalle condizioni meteo e del tracciato al momento della gara.
“Insolitamente le condizioni in qualifica non saranno le stesse della gara, che partirà tre ore prima – sottolinea Mario Isola, responsabile F1 e Car racing Pirelli – Di sicuro le temperature più calde si sono adattate meglio alle varie mescole, tanto che è arrivato il nuovo record della pista”. “La battaglia tattica è già cominciata con Mercedes, Ferrari e la Red Bull di Verstappen che hanno scelto di partire con la media davanti a quelli che invece hanno preferito una mescola più morbida, il che dovrebbe rendere interessanti i primi giri – aggiunge – Teoricamente la strategia più veloce dovrebbe essere quella a una sosta, utilizzando soft e medie”.
(Ultima Ora).
L’articolo AD AUSTIN STRATEGIA IDEALE A UNA SOSTA proviene da Ultima Ora.

CategorieSenza categoria