No orario flessibile, condannato datore

23.00
Conciliare vita familiare e lavoro è un diritto e il datore ha il dovere di garantirlo. Perciò il giudice di Firenze ha condannato l’Ispettorato fiorentino, dopo un ricorso presentato dalla consigliera regionale alla Parità,Maestrelli
L’Ispettorato non rispettava l’ultimo contratto della funzione pubblica, che concede flessibilità oraria a chi ha figli sotto i 16 anni, dice Maestrelli.
La violazione è stata sanzionata e l’ Ispettorato è stato obbligato a concordare con i sindacati come adeguare l’orario alla conciliazione vita-lavoro.

CategorieSenza categoria