DI MAIO “SULLA LIBIA ATTACCHI GRATUITI A CONTE”

“L’impegno dell’Italia è massimo, in questi giorni sono stato a Bruxelles, Istanbul, Il Cairo e sono appena rientrato da Algeri. Dall’Iran alla Libia ci troviamo di fronte a cornici complesse, serve prudenza, bisogna agire con responsabilità. Gli attacchi rivolti a Conte sono gratuiti e ingiustificati, il presidente sta dando il massimo. Ricordo a tutti che è lui l’autore della Conferenza di Palermo”. Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in merito alla Libia.
“Non provate a metterci l’uno contro l’altro, perché non è così. Con Conte ci coordiniamo costantemente. Così come ho sentito ripetutamente il ministro Guerrini. Oggi ho visto Conte e abbiamo fatto il punto sui dossier. Anche la situazione iraniana preoccupa fortemente”, sottolinea Di Maio.
“Il governo lavora insieme. Ed è giusto che da ministro degli Esteri debba avere buoni rapporti con tutti – prosegue -. In queste ore, sentendo il mio collega tedesco Maas, stiamo preparando la conferenza di Berlino. Siamo convinti che sia opportuno coinvolgere tutti gli interlocutori. Quella in corso è una guerra per procura e se non coinvolgiamo tutti non riusciamo a fermare le interferenze esterne”.
In merito alle voci secondo cui sia stato il presidente francese Emmanuel Macron a bloccare l’altro ieri Sarraj, che era atteso a Roma, il ministro degli Esteri risponde così: “Non rispondo alle speculazioni giornalistiche, credo che l’Ue debba parlare con una sola voce. A tutti i partner ho chiesto responsabilità. Le fughe in avanti peggiorano solo la situazione”.
(Ultima Ora).
L’articolo DI MAIO “SULLA LIBIA ATTACCHI GRATUITI A CONTE” proviene da Ultima Ora.