Di Maio torna all’attacco dei negozi sempre aperti

Il leader del M5s contro le liberalizzazioni: «Il governo intervenga sulla giungla degli orari di apertura».
«Dopo il Decreto Dignità e il Decreto Riders, dobbiamo andare avanti come Governo nella tutela delle persone che lavorano, come nel caso delle partite iva e dei lavoratori dipendenti degli esercizi commerciali che, a causa delle liberalizzazioni, sono sprofondati nella giungla degli orari di apertura e chiusura, cercando invano di battere i centri commerciali, rimanendo aperti 12 ore al giorno e 7 giorni su 7», scrive su Facebook Luigi Di Maio.

Ho aspettato la firma del Capo dello Stato per parlare. Ma adesso più che mai sento l’esigenza di dirvi una cosa…Posted by Luigi Di Maio on Sunday, November 3, 2019
«Da oggi» i riders hanno «le stesse tutele di un lavoratore dipendente. Non dipenderanno più dal punteggio del software, avranno tutele assicurative e pensionistiche, rimborsi spese e un minimo orario garantito», continua l’ex il leader del M5s. «Il Decreto Legge Riders è stato l’ultimo provvedimento che ho firmato da Ministro del Lavoro», ricorda. «Da oggi è Legge«, aggiunge, ringraziando il gruppo parlamentare 5 Stelle e la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo «per averne assicurato il percorso di conversione. È la prima legge in Europa che garantisce diritti di questo tipo».
Leggi tutte le notizie di Ultima ora su Google News oppure sul nostro sito Ultima ora.it

CategorieSenza categoria