Chi è Lindsay Hoyle, il nuovo speaker della Camera dei comuni britannica

Laburista, ma eletto in un collegio pro Brexit, è stato il vice di Bercow per nove anni. Segni particolari: è un ammiratore di Lady D e si è scontrato più volte con l’ex premier Tony Blair.
La Camera dei Comuni britannica ha un nuovo speaker: è sir Lindsay Hoyle (Labour) eletto al quarto scrutinio con 325 voti a succedere, a fine legislatura, al Tory anticonformista John Bercow, in carica per 10 anni. Vice speaker dal 2010, Hoyle ha già mostrato nei suoi turni di presidenza dell’assemblea mano ferma e piglio grintoso, anche se in misura più episodica dell’istrionico Bercow: a differenza del quale è eletto in un collegio pro Brexit. Laburista per tradizione di famiglia, è noto pure per l’ammirazione per la defunta lady D.

IN CARICA PER SOLI DUE GIORNI PRIMA DELLE ELEZIONI

Il prescelto si è lasciato alle spalle nelle ultime votazioni i due rivali rimasti in lizza (su una platea iniziale di 7): eliminando dapprima l’altra vice speaker uscente, la conservatrice dame Eleanor Laing, e quindi il deputato laburista Chris Bryant, ex pastore anglicano entrato in Parlamento dopo aver lasciato l’abito ecclesiastico e aver fatto coming out come gay. Resterà in carica per ora solo 2 giorni, prima dello scioglimento della Camera mercoledì 6 in vista delle elezioni già fissate per il 12 dicembre. Avrà però il vantaggio di poter venire rieletto deputato nel suo collegio da indipendente senza concorrenti, se sarà rispettata una prassi di cortesia istituzionale in vigore nel Regno, e di poter essere candidato naturale alla propria conferma nella futura assemblea.

CRESCIUTO A PANE E POLITICA, CELEBRI GLI SCONTRI CON BLAIR

Lindsay Hoyle, 62 anni compiuti a giugno (sei in più del predecessore Bercow), è considerato da tempo una figura super partes a Westminster e nello stesso Labour. E subito dopo la designazione ha ricevuto l’omaggio di rito in aula da parte del premier Boris Johnson (che ne ha sottolineato “l’imparzialità”), del leader dell’opposizione Jeremy Corbyn e da esponenti di tutti i partiti minori. Deputato dal 1997, sempre rieletto nel collegio della contea d’origine, il Lancashire, nell’Inghilterra nord-occidentale, è cresciuto a pane e politica. Anche suo padre Doug è stato membro della Camera dei Comuni e da oltre un ventennio lo è dei Lord, dove tuttora siede quasi 90enne. Ligio per tradizione alla disciplina di partito e gradito a Corbyn, ma anche a diversi conservatori e in particolare ai brexiteer, il neo speaker è stato tuttavia protagonista in passato di un paio di scontri con l’allora premier Tony Blair: a cui contestò fra l’altro l’introduzione delle rette universitarie e l’espansione dell’istruzione a pagamento nel Regno a fine Anni ’90.

LA FIGLIA AVUTA DALLA SUA AVVERSARIA POLITICA

Sulla Brexit non s’è mai sbottonato per ragioni istituzionali legate al ruolo precedente di vice speaker, ma si sa che gli elettori del suo collegio sono in maggioranza pro Leave. È ben conosciuto invece il rispetto che nutre per la figura della principessa Diana, al cui nome propose invano dopo la morte l’intitolazione di un ospedale o dell’aeroporto londinese di Heathrow. Nel 2018 ha ricevuto il titolo di cavaliere dalla regina e può fregiarsi così dell’appellativo di sir. Sposato in prime nozze con Lynda Anne Fowler, dalla quale ha divorziato nel 1982, e in seconde con Catherine Swindley, impalmata nel ’93, ha avuto due figlie: la minore della quali – nata nel 1989 da una relazione extra matrimoniale con Miriam Lewis, allora avversaria politica e consigliera locale Tory nella sua stessa contea – morta a soli 28 anni. Una tragedia che Hoyle ha ricordato, nel primo intervento dallo scranno, non senza commuoversi.
Leggi tutte le notizie di Ultima ora su Google News oppure sul nostro sito Ultima ora.it

CategorieSenza categoria